Fiera Alto Adriatico a Caorle, Zaccariotto al taglio del nastro

Data: 
18/02/2013 - 10:15
Inaugurazione del salone domenica 17 febbraio, aperta fino al 20
Caorle, inaugurazione della Fiera Alto Adriatico

domenica 17 febbraio al Palaexpomar di Caorle la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto ha partecipato all’inaugurazione della Fiera dell’Alto Adriatico, salone professionale per alberghi, ristoranti e pubblici esercizi, che rimarrà aperta fino a mercoledì 20 febbraio.

 

Alle ore 10.15 ha preso parte alla tavola rotonda con il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, i sindaci dei comuni della costa veneziana Caorle, Cavallino Treporti, Jesolo, Rosolina, Porto Viro e Porto Tolle, Eraclea, San Michele a Tagliamento-Bibione, i rappresentanti delle associazioni di categoria Marco Michieli presidente di Federalberghi, Massimiliano Schiavon dell’Associazione Jesolana Albergatori e Manrico Pedrica per la Confcommercio, sul tema “Rapporti istituzionali tra Regione Veneto, Provincia di Venezia, Comuni del litorale veneziano e gli imprenditori turistici”. Ha coordinato il dibattito Domenico Basso direttore di Antenna Tre Nordest. E’ quindi seguito il taglio del nastro e la visita agli stand.

Presenti all’incontro anche l’assessore regionale Renato Chisso, il vicepresidente provinciale Mario Dalla Tor e gli assessori provinciali al turismo Giorgia Andreuzza e alla viabilità Emanuele Prataviera.

 

Presidente Zaccariotto: «Saluto i presenti e ringrazio per l’opportunità di confronto e dibattito che rappresenta la Fiera dell’Alto Adriatico. E’ la chiara dimostrazione che nonostante le difficoltà causate dalla difficile congiuntura economica, si crede ancora nella necessità di incontrarsi per trovare possibili soluzioni alle serie di problemi che sono emersi nel corso della discussione, dalla tassa di soggiorno alla gestione dell’azienda di promozione turistica, dalla tutela ambientale, dal contrasto al commercio abusivo alle competenze sugli arenili.

Ormai non si può parlare di turismo senza  affrontare le tante questioni che sono connesse. Oggi “fare turismo” significa dare servizi. Dal protocollo sottoscritto dei sindaci della costa è emersa forte l’esigenza di fare squadra. Sono convinta che la partecipazione ai lavori di questo tavolo debba ricomprendere anche il comune di Venezia, città di grande appeal turistico, le associazioni di categoria e le istituzioni, Regione del Veneto e Provincia di Venezia.

 

Siamo la prima provincia per numero di presenze turistiche a livello nazionale, ben 34 milioni nel 2012 e le nostre spiagge sono leader a livello nazionale. Ciò significa che il nostro territorio offre ricchezze uniche come le nostre belle città d’arte, l’entroterra, le spiagge, e ancora la cultura, l’ambiente e il paesaggio, l’enogastronomia, la storia, le tradizioni. E’ perciò fondamentale avviare delle sinergie per mettere a frutto le nostre potenzialità. Dobbiamo vedere il territorio come bene unitario da promuovere in tutte le sue preziose sfaccettature e in tutti i suoi prodotti.

La nostra forza sarà fare squadra, oltre i campanili e coinvolgendo gli operatori e coloro che fanno settore turistico. Quale il ruolo della Provincia? Quello, fondamentale, di coordinamento e dialogo con le realtà del territorio.

A proposito della gestione dell’Azienda di promozione turistica, voglio fare alcune precisazioni.  L’Apt è certamente una risorsa ma non possiamo dimenticare le difficoltà cui siamo andati incontro a causa dei tagli dei trasferimenti dallo Stato e dalla Regione. E’ bene ribadire che fino ad oggi la Provincia si è fatta carico dei costi di gestione. Ci siamo visti costretti a chiedere, con decreto ingiuntivo, alla Regione quanto ci deve, per poter provvedere al pagamento degli stipendi del personale dedicato.

I comuni chiedono, uniti, il trasferimento delle competenze delle Apt da parte della Provincia, ma mi domando se sono attrezzati per sostenerne i costi di gestione. Noi finora abbiamo provveduto grazie al nostro bilancio che è sano e ci ha consentito di garantire gli stipendi. Attenzione quindi a spostare le competenze; ciò significa farsi carico di costi e dare risposte. Nel cambiare, bisogna anche pensare come si agirà il giorno dopo.
A proposito della tassa di soggiorno, spero che il dibattito avviato porti ad affrontare la questione con un progetto unico e condiviso, valutato insieme tra tutti i soggetti del settore.

E’ giusto indicare chiaramente come saranno spesi i fondi raccolti.
Non possiamo fare squadra senza una progettualità. Condivido le necessità dei sindaci di salvare i bilanci ma condivido anche quelle di chi lavora di turismo e chiede una progettualità che sia frutto di un’adeguata pianificazione.

Bisogna individuare le priorità di intervento e condividerle per evitare inutili divisioni. Dobbiamo insieme cercare di sostenere il nostro tesoro che è il turismo, un settore che può aiutarci ad uscire dalla crisi, grazie a servizi di qualità che il nostro territorio è in grado di offrire». 

 

 

***

 

La Provincia di Venezia è presente alla Fiera con un proprio stand assieme all’Azienda di promozione turistica e proporrà ogni giorno un evento con inizio alle ore 12.00.

 

Lunedì 18 febbraio è in programma “Presentazione del progetto europeo GAC Gruppo di Azione Costiera per lo sviluppo dell’ecoturismo e la promozione dell’ittiturismo nella fascia costiera e lagunare veneziana. Le opportunità offerte agli imprenditori locali”. Interverranno Tullio Galfrè direttore Azienda di promozione turistica della Provincia di Venezia, Giancarlo Pegoraro direttore Vegal (l’associazione che raggruppa enti pubblici e privati dell’area del Veneto nord orientale), Luciano Striuli sindaco di Caorle, Giuseppe Canali assessore alla Pesca della Provincia di Venezia e un rappresentante del settore pesca.

 

Martedì 19 febbraio “Presentazione della guida Giralivenza per la valorizzazione ambientale e turistica del corridoio fluviale del Livenza e dei suoi affluenti”. Interverranno Giorgia Andreuzza assessore al Turismo della Provincia di Venezia, Giancarlo Pegoraro direttore di Vegal, rappresentanti delle Provincie di Pordenone e Treviso, Luciano Renier coordinatore Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) del Veneto.

 

Mercoledì 20 febbraio “Presentazione della Guida della Riviera del Brenta alla scoperta di nobili dimore, borghi e percorsi storici tra natura e amenità gastronomiche”. Interverranno Giorgia Andreuzza assessore al Turismo della Provincia di Venezia, Federica Boscaro presidente dell’Unione dei Comuni “Città della Riviera del Brenta”; a seguire, degustazione “fiorita” di piatti tipici a cura della Confcommercio Ascom Riviera del Brenta.

 

Video

Tutte le Notizie