La giunta approva schema di rendiconto di gestione 2013

Data: 
02/05/2014 - 21:45
Zaccariotto: "Bilancio virtuoso, con proprie risorse, Renzi ci toglie 5 mln"
Francesca Zaccariotto

Approvato dalla Giunta provinciale, su proposta del presidente Francesca Zaccariotto, lo schema del rendiconto di gestione per l'esercizio finanziario 2013, e la relazione finale sulla performance 2013 che sarà presentato all’organo di revisione con i conti del bilancio, economico e del patrimonio.

 

Presidente Zaccariotto: «I risultati positivi raggiunti dall’ente provinciale con questa amministrazione sono sotto gli occhi di tutti. L’unico che non vuole vedere, che non ha voluto vedere, è stato Renzi. E la cosa davvero scandalosa del suo governo è che,  ad un mese dall’ avvio effettivo della città metropolitana, con l’applicazione del decreto legge n. 66 del 24 aprile scorso, decide di portare via dal nostro bilancio 5 milioni di euro di spese correnti, con la richiesta di riduzione di tutti i contratti già in essere del 5 per cento, rendendone così di fatto impossibile l’avvio. Una decisione scellerata, che svuota l’ente, e che va ad aggiungersi ai vincoli imposti dal patto di stabilità, e che avrà enormi conseguenze, ad esempio sugli interventi già programmati per le scuole superiori del territorio, importanti per la loro sicurezza e funzionalità. Gli unici esentati dal rispetto dei vincoli del patto sono i comuni, ma questo è davvero singolare per un premier che ha basato la sua campagna elettorale sul tema scuole e sicurezza. Che ci ha chiesto di individuare le priorità di intervento in materia di edilizia scolastica, e che invece ci impedisce di spendere le risorse che già abbiamo disponibili in bilancio, senza chiedere nulla allo stato. Ed è singolare per un premier che è stato presidente di Provincia, che dunque conosce molto bene le funzioni dell’ente, e che con questa incomprensibile decisione ha già disatteso ciò che la legge di riforma delle province ha stabilito nell’ultima stesura, lasciando la responsabilità delle scuole superiori integralmente in capo alla Provincia».

 

Di seguito la sintesi dei principali obiettivi raggiunti nei cinque anni di amministrazione  Zaccariotto.

 

***

 

Rispetto del patto di stabilità

In ciascun anno del mandato amministrativo, il patto di stabilità interno è stato sempre rispettato, nonostante nel corso degli anni il legislatore abbia aggravato gli obiettivi, e le risorse, erariali e regionali, siano state ridotte.

 

Revisione della spesa

La spesa corrente è stata ridotta rispetto al 2009 del 21,1% in termini percentuali e in valori assoluti di 28,27 milioni di euro. I livelli più significativi di riduzione si sono registrate nelle seguenti voci:

- personale,

- consumi intermedi,

- interessi passivi

 

Riduzione dello stock del debito provinciale

Il debito provinciale è stato ridotto dal 2009 in termini percentuali del 41,2% e in valore assoluto di 48,08 milioni di euro.

 

Riduzione dei tempi di pagamento dei fornitori di beni e servizi

Nel 2010 è stato avviato, con mezzi e risorse interamente proprie, un progetto di riorganizzazione dei pagamenti dei fornitori di beni e servizi, con l’obiettivo di assicurare maggiore trasparenza e tempestività nei pagamenti ai creditori. I tempi medi di pagamento dei creditori sono stati di 39,52 giorni nel 2011, di 34 giorni nel 2012, fino a raggiungere nel 2013 il risultato eccezionale di 17,42 giorni.

 

Razionalizzazione del sistema delle partecipate

E’ stata avviata una seconda tornata di dimissioni e razionalizzazioni delle società e aziende partecipate: la Provincia di Venezia ha cercato non solo di ridurre in maniera consistente gli oneri a carico del bilancio provinciale grazie al taglio dei trasferimenti e contribuzioni (Fondazione IRSESC, la San Servolo srl, e GRAL), ma anche di reperire importanti risorse per il finanziamento di opere pubbliche e per l’estinzione anticipata del debito con contestuale rispetto del patto di stabilità anche nel 2013, si pensi alla parziale alienazione delle quote di partecipazione in SAVE.

 

Attuazione del sistema dei controlli interni

Nel 2010 è stato avviato un compiuto sistema di controlli interni, perfezionato nel 2011 e in parte informatizzato, che ha permesso di presidiare l’organizzazione e le attività amministrative, sia come regolarità sia sotto il profilo dell’efficacia sui risultati e dell’efficienza economico finanziaria.

 

Investimenti nell’ambito dell’edilizia scolastica e della viabilità

Sono state realizzati nel corso del quinquennio investimenti per complessivi 91,6 milioni euro , di cui: 35,7 milioni euro per edilizia scolastica; 11,1 milioni di euro per edilizia patrimoniale,  44,8 milioni di euro per la viabilità.

 

Avvio di progetti in campo ambientale di rilevanza europea

E’ stato siglato il 25 settembre 2010 a Palmaria (La Spezia), il progetto 202020 di cui la Provincia è capofila, con la finalità di promuovere nel territorio una nuova politica energetica. Nel 2013 hanno completato il proprio Piano di Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) 21 Comuni; l’analisi condotta dalla Provincia sui primi 19 Enti ha evidenziato che complessivamente sono state programmate dai Comuni 469 azioni di riduzione della CO2, con un beneficio stimato di riduzione di circa 500mila tonnCO2/anno da qui al 2020.

 

Introduzione in via sperimentale della nuova contabilità ex d.lgs 118/2011

La partecipazione della Provincia al terzo anno di sperimentazione della nuova contabilità, obbligatoria per gli enti locali a partire dal 2015, ha prodotto il vantaggio di ottenere la riduzione del saldo obiettivo del patto di stabilità di oltre 3,6 milioni di euro. Ma consente anche di conoscere i debiti effettivi, di rafforzare la programmazione di bilancio, di evitare l’accertamento di entrate future e di impegni inesistenti, di favorire la modulazione dei debiti secondo gli effettivi fabbisogni, di avvicinare la competenza finanziaria a quella economica. 

 

Carta dei servizi e riduzione dei termini dei procedimenti

La definizione degli standard di qualità, contenuti all’interno della carta dei servizi provinciali, ha completato nel 2013 l’impianto del sistema dei controlli interni avviato nel 2010, con l’obiettivo di rendere più trasparenti per i cittadini gli obiettivi e i risultati da conseguire. La carta dei servizi racchiude gli elementi di qualità effettiva dei servizi che l’ente si è impegnato ad assicurare ai suoi fruitori. Nel corso di questi 5 anni la Provincia ha puntato alla riduzione dei termini del procedimento amministrativo, che oggi sono mediamente al di sotto di quelli fissati dalla legge nazionale, e dagli stessi regolamenti provinciali.

Tutte le Notizie

Vota il sito per qualità dei servizi, fruibilità e accessibilità