In Provincia firmato accordo per il Pat del comune di Torre di Mosto

Data: 
17/11/2014 - 08:45
Vice presidente Dalla Tor: "Alcune scelte strategiche per uno sviluppo sostenibile del territorio"
Mario Dalla Tor, con il sindaco Camillo Paludetto e l'assessore comunale Venerino Tamai (foto: Mario Fletzer)

Venerdì 14 novembre in Provincia di Venezia al Centro Servizi di Mestre il vice presidente e assessore all’Urbanistica Mario Dalla Tor e il sindaco del comune di Torre di Mosto Camillo Paludetto hanno firmato l'accordo per dare avvio al processo di copianificazione per la redazione del Piano di assetto del territorio (Pat) comunale. Era presente alla firma anche l’assessore comunale all’Urbanistica Venerino Tamai.

 

Il vice presidente Dalla Tor: «Nel documento preliminare del Pat del Comune di Torre di Mosto sono stati individuati gli obiettivi generali da perseguire, e le scelte strategiche adottate per lo sviluppo sostenibile del territorio anche in relazione alle previsioni degli strumenti di pianificazione di livello sovraordinato. In questo senso la Provincia, in coerenza con il proprio strumento di pianificazione e nel rispetto delle valutazioni espresse nel Manifesto delle azioni, farà da supporto alla stesura del Pat. Tra le principali finalità condivise ci sono la salvaguardia del territorio dai rischi idraulici, la difesa e tutela delle risorse naturalistiche e ambientali, la tutela del territorio agrario e la promozione delle sue risorse, il miglioramento degli insediamenti esistenti e della qualità della vita nelle aree urbane».

 

Il sindaco Paludetto: «Per un paese piccolo come il nostro, di circa 4700 abitanti, è stato importante avere una Provincia efficiente come quella di Venezia che ci ha fatto da punto di riferimento. Ci dispiace che venga soppressa, e sostituita dalla città metropolitana, un ente ancora in divenire, e che non si capisce ancora bene che funzioni avrà».

L’assessore comunale Tamai: «Con la Provincia c’è stata una collaborazione che ha portato a risultati positivi; abbiamo anche altri programmi, e speriamo che l’ente che la sostituirà ci consenta di realizzarli».

Tutte le Notizie

Vota il sito per qualità dei servizi, fruibilità e accessibilità