Provincia: oltre sedicimila procedimenti conclusi entro due mesi

Data: 
01/03/2014 - 18:45
Zaccariotto: «Gli imprenditori non devono aspettare per ottenere un permesso o una licenza»

Pubblicata sul web, dopo aver condiviso l’esito con la presidente della Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto, la relazione della Direzione generale dell’ente sui procedimenti di cui si è occupata la Provincia nel corso 2013, in particolare quelli indicati dall’art. 2 della legge 241/90, ovvero quelli avviati con la presentazione di una richiesta da parte di cittadini e imprese del territorio veneziano: autorizzazioni, licenze, nulla osta, pareri e visti, che devono ottenere risposta entro il termine previsto per la conclusione dell’iter amministrativo.

 

Dai dati raccolti relativi all’anno 2013 è emerso che i procedimenti sono stati complessivamente 16 mila 469, di cui solo 46 procedimenti conclusi in ritardo, pari allo 0,27 del totale.

 

Il risultato conseguito è positivo, e in netto miglioramento rispetto ai dati raccolti in precedenza.

Se inoltre si considera che i termini di conclusione sono mediamente in tendenziale riduzione rispetto a quelli fissati nella Carta dei servizi 2013, e che il numero di personale in servizio è in diminuzione per il divieto di assunzione a tempo indeterminato in vigore per le Province dal 2012, il risultato raggiunto è indice da un lato di maggiore produttività del personale, dall’altro di una più efficace organizzazione generale.

 

Le informazioni raccolte sui procedimenti sono state distinte per struttura responsabile. In  particolare emergono per l’entità delle cifre la manutenzione e lo sviluppo del sistema viabilistico con 4 mila 400 pratiche concluse, di cui solo 2 concluse in ritardo, la caccia e la pesca 4 mila e 92, di cui 7 concluse in ritardo; i trasporti 4 mila e 607, il lavoro e la formazione professionale 621 di cui solo 1 in ritardo; l’agricoltura 290, la presidenza con i patrocini concessi 586, l’ambiente 484, di cui 36 concluse in ritardo, Turismo 425, Servizi sociali 241 l’istruzione 322, la cultura e lo sport 54, il servizio economico finanziario 18, la pianificazione territoriale e urbanistica 98, la polizia provinciale 87, le risorse umane 98, Urp e decentramento 12. Le cause dei ritardi, pur percentualmente minimi, saranno analizzate per intervenire migliorative con le necessarie azioni di miglioramento.

 

La presidente Francesca Zaccariotto ha dichiarato: «Sono particolarmente soddisfatta per questo risultato. I numeri non sono tutto, non danno mai il quadro completo di una realtà complessa come quella provinciale, tuttavia sono certamente fra gli indicatori oggettivi del buon funzionamento dell’ente dal punto di vista della qualità della direzione e del coordinamento generale. In pratica, i cittadini e le aziende che si sono rivolti alla Provincia per un permesso o una licenza hanno visto la conclusione di tutto l’iter burocratico tra i 30 e i 60 giorni di media, e ritengo – aldilà di tanti slogan o parole - sia questa l’unica cosa che conta  per gli imprenditori, e per i cittadini».

Tutte le Notizie

Vota il sito per qualità dei servizi, fruibilità e accessibilità