Tu sei qui

Segnalazioni condotte illecite (whistleblower)

Come stabilito dalla Determinazione A.N.AC. n. 6 del 28 aprile 2015 “Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower)”, il dipendente può segnalare condotte illecite rilevate nella propria amministrazione tramite l'apposito modulo qui disponibile.

 

L'invio di tale modulo garantisce la riservatezza e la tutela del segnalante:

il modulo compilato viene inviato alla casella di posta eletrtronica anticorruzione@cittametropolitana.ve.it. Tale casella garantisce la piena riservatezza ed è gestita unicamente dal responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza e dai suoi collaboratori individuati nel P.T.P.C.T.

Per inviare segnalazioni è possibile utilizzare anche la casella di posta elettroni cartificata anticorruzione@pec.cittametropolitana.ve.it, anch'essa garantita da riservatezza e gestita unicamente dal responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza e dai suoi collaboratori, individuati nel P.T.P.C.T.

 

L'iter procedurale della segnalazione garantisce in ogni sua parte:

  • la tutela della riservatezza dell’identità del dipendente che effettua la segnalazione;
  • la tutela del dipendente da pressioni e discriminazioni, dirette e indirette;
  • la tutela della riservatezza del contenuto della segnalazione nonché l’identità di eventuali soggetti segnalati,

 

Segnalazioni inviate dal dipendente direttamente ad A.N.AC.

L'A.N.AC. ha predisposto una propria applicazione informatica per l’acquisizione e la gestione, nel rispetto delle garanzie di riservatezza previste dalla normativa vigente, delle segnalazioni di illeciti da parte dei pubblici dipendenti come definiti dalla nuova versione dell’art. 54 bis del d.lgs.165/2001. Nella pagina di accesso al servizio sono pubblicate le indicazioni e le modalità operative, integrate anche dalle indicazioni contenute nel Comunicato del Presidente del 05/09/2018.

 

Applicativo ""Whistleblowing"

La Città metropolitana di Venezia si è dotata di un applicativo web, in riuso dal Comune di Venezia, per le segnalazioni di condotte illecite, che garantisce la tutela e la protezione, anche attraverso l’anonimato, contro ogni forma di discriminazione che potrebbe derivare direttamente e indirettamente dalla segnalazione di illecito. La disciplina del whistleblowing si applica non solo ai dipendenti dell'ente, ma anche ai lavoratori e ai collaboratori delle imprese fornitrici di beni o servizi e che realizzano opere in favore dell’amministrazione.

Accedi al servizio

 

Pagina creata il 31/03/2016

Aggiornamento e verifica dati:10/07/2020